AcdB un anno dopo

Lunedì 14 gennaio 2019 – Comunicato Stampa
Alessandria Città delle Biciclette
RADDOPPIA PER IL MUSEUM SELFIE DAY
Con #lebicidiFaustoCoppi il 16 gennaio 2019 tutti al Museo per #Coppi100
Palazzo del Monferrato – In Via San Lorenzo 21 – Apertura straordinaria Ore 16/19

Un selfie in ricordo di Fausto Coppi nell’anno del centenario della sua nascita (che cade il 15 settembre 2019) può valere doppio. Anzi cento. Perché le biciclette con cui è possibile farlo, al Museo Alessandria Città delle Biciclette di via San Lorenzo 21, ad Alessandria, presso Palazzo Monferrato, sono due. E specialissime. Proprio nell’anno del Centenario del Campionissimo.

Mercoledì 16 gennaio 2019 con apertura straordinaria dalle 16 alle 19, il Museo AcdB aderisce alla giornata mondiale del selfie nei musei, raddoppiando la proposta! La suggestione è proporre un selfie con la bici del record dell’ora stabilito al Vigorelli nel 1942 da Fausto Coppi, una Legnano che mette i brividi, prestito del gemellato Museo del Ghisallo, o il selfie accanto alla bicicletta usata da un ragazzo che si farà… il garzone, della Collezione Chiapuzzo, “trabiccolo” che si attribuisce a Fausto Coppi quando era garzone appunto del salumiere Merlano (1934).

Un selfie anzi due in ricordo di Fausto Coppi è un bel modo per dare seguito all’iniziativa lanciata un anno fa ad AcdB e intitolata #lebicidiCoppi, iniziativa che raccolse un grande successo anche mediatico.

Tutto questo accade al Museo che racconta la storia della prima bicicletta giunta in Italia, ad Alessandria, nel 1867, con l’evoluzione di Biciclo, Michaux  e Draisienne, e con la ricostruzione storica delle primogeniture che si attribuiscono al capoluogo alessandrino (qui è nata la Gazzetta dello Sport, ma anche la Federazione Ciclistica Italiana, qui la prima assemblea internazionale dell’UCI, qui le prime corse in un velodromo e le prime randonnée con il Touring Ciclistico Italiano …).

AcdB festeggia così il suo primo anno di attività, un anno importante per come si è chiuso e per come si è riaperto con un flusso di visitatori di tutto rispetto, visitatori anche trainati dalla mostra Alessandria Scolpita, allestimento monstre al secondo piano di Palazzo del Monferrato, mostra internazionale di sculture lignee fra 400 e 500, che è stata inaugurata il 14 dicembre 2018 e in un mese ha portato anche al Museo una nuova luce di cultura sulle radici di Alessandria.

AcdB ha fatto registrare dal primo gennaio al 31 dicembre 2018 ben 3.299 visitatori, di cui: 384 biglietti interi; 272 ridotti; 2.643 gratuiti. Da quando la visita al museo è abbinata alla mostra Alessandria Scolpita (cioè esattamente da un mese), ha registrato un successo di 630 visitatori che non hanno rinunciato all’accoppiata mostra e museo AcdB. Un bel successo.

Un anno di vita per il museo Alessandria Città delle Biciclette che ha dato grandi soddisfazioni al suo direttore,  Roberto Livraghi: La sensazione è stata quella di aver vissuto un anno intenso, ricco di eventi e di iniziative, così come lo aveva immaginato il gruppo che gestisce il museo. Abbiamo fatto tante cose. Alcune vanno al di là degli appuntamenti realizzati.

Cominciando da questi ultimi ecco cosa è accaduto in un anno di AcdB:

17 gennaio: selfie day con la bici di Fausto Coppi prestata dal figlio Faustino. Lo stesso giorno: presentazione del volume di Paolo Amadori e Paolo Tullini, Le bici di Coppi.
15 febbraio: presentazione del libro di Davide Dezan, Pedala!
14 marzo: evento di punzonatura della Gran Corsa in occasione della Milano-Sanremo.
16-17 marzo: presenza del Museo al Casino di Sanremo in occasione dell’arrivo della Classicissima di Primavera organizzata da RCS La Gazzetta dello Sport.
3 maggio – 1 luglio: mostra “Veni Vidi Bici! Riccardo Guasco e l’arte di illustrare la bicicletta”.
4 luglio: inaugurazione mostra fotografica di Roberto Bettini. Presentazione ufficiale della Scuola di ciclismo Mania Bike.
12 settembre: presentazione del museo AcdB alla Douja d’or di Asti.
16-22 settembre: Settimana Europea della Mobilità. Concorso fotografico “Scatta#alessandriainbici”. Giornata “Bike to work”. Pedalata serale “La strada è di tutti”. Tavola rotonda “Hai voluto la bicicletta? Pedala! Ma in sicurezza”. In collaborazione con FIAB, UISP, CVA e tutto il mondo che in città si muove intorno alle due ruote.
10-11 ottobre: mostra Veni vidi Bici! a Torino Graphic Days.
29 novembre: workshop Il Giro non ha confini, organizzato con l’Associazione CROSS (Associazione Cronisti e Storici dello Sport).
20 dicembre: presenza alla trasmissione Radiocorsa di Rai Sport, con un servizio dedicato al museo.

Conclude Roberto Livraghi:  Il 2018 si chiude e si apre collaborando al Concorso nazionale denominato Bicletterario, con la speciale sezione intitolata Caro Fausto, ti scrivo … Un premio che ci piace particolarmente per i suoi contenuti culturali.

Il bilancio è dunque in attivo anche per i numeri: Per il primo anno siamo abbastanza soddisfatti: sono entrati nel museo quasi 4000 visitatori, un numero che per la nostra realtà può essere considerato una buona base di partenza. Non certo di arrivo, però. Siamo impegnati a farlo crescere nel 2019, così come ci siamo già molto dedicati a dotare il museo di nuovi strumenti come il catalogo breve (in due lingue) che viene fornito gratuitamente a tutti i visitatori e che fa il paio con il pieghevole dedicato ai 3 musei del ciclismo che abbiamo in provincia (in tre lingue). Quest’ultimo viene diffuso anche negli altri due musei del territorio e soprattutto all’outlet di Serravalle grazie alla collaborazione del Consorzio Terre di Coppi.

L’olimpionico Marino Vigna, presente all’inaugurazione con la campionessa olimpica Antonella Bellutti e il ct delle nazionali di ciclismo Davide Cassani aveva fatto un appello affinché il museo fosse per gli studenti, piccoli e grandi. Spiega il direttore Livraghi: Questo è un settore di cui non siamo ancora soddisfatti è sicuramente quello scolastico: vogliamo crescere, anche se abbiamo ormai messo in cantiere alcune collaborazioni importanti sul piano dell’alternanza scuola-lavoro, come nel caso dell’ITIS Volta.

Ad AcdB sono arrivati nel corso dei vari eventi molti visitatori vipNoi li chiamiamo gli amici importanti. – continua Livraghi – Nel 2018 abbiamo avuto come detto l’onore della visita del CT della nazionale Davide Cassani, del presidente della Federciclismo Renato Di Rocco e del presidente dell’UCI David Lappartient, del direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Monti, del campione Elia Viviani, di tanti olimpionici di ieri e di oggi e di personaggi come Vittorio Brumotti. Oltre a tutti i giornalisti di settore più importanti, come Giampaolo Ormezzano, Pier Bergonzi, Claudio Gregori, Beppe Conti, Marco Pastonesi, Paolo Viberti, Dario Ceccarelli, Salvo Aiello, Davide Dezan… solo per citarne alcuni. Altri amici per noi fondamentali sono le famiglie dei campioni di casa nostra, come i Girardengo, i Coppi, i Cuniolo, i Malabrocca, i Meazzo, gli Zancanaro, i sioffini Chiapuzzo, ecc.

Poi c’è un 2019 Centenario della nascita di Fausto Coppi che è di fatto iniziato: L’appuntamento è al centro dei nostri pensieri, così come dei molti amici e appassionati che se ne stanno occupando a Castellania, Novi, Tortona, Cassano Spinola, ecc. Sarebbe molto importante se il nostro territorio riuscisse a mettere a punto un programma complessivo, che tenga conto delle idee che ciascuno vorrà realizzare, ma che sia presentato e comunicato come un progetto unico a cui lavoriamo in tanti, in autonomia ma anche tutti insieme.

Per AcdB un capitolo importante sarà rappresentato dalle biciclette di Fausto Coppi. Dopo i prestiti ricevuti da Faustino Coppi (l’ultima bici usata da suo padre), Gianfranco Trevisan e Gianluigi Stanga (le Bianchi Corsa dell’accoppiata Giro-Tour del 1949 e delle vittorie alla Milano-Sanremo e al Giro di Lombardia di quell’anno), abbiamo ricevuto da qualche settimana la bicicletta (prestata dal Museo del Ghisallo, con cui siamo gemellati) sulla quale il Grande Airone ha battuto il record mondiale dell’ora nel 1942. Un quinto esemplare dal grande fascino, poi, è quello rappresentato dal modello Ideal del 1934 che il giovane Fausto usava per raggiungere il negozio di salumeria Merlano di Novi dove lavorava come garzone. Quest’ultima bicicletta appartiene alla collezione di Giovanni Chiapuzzo, attualmente gestita dai figli Mari e Roberto: un fondo importante, a proposito del quale abbiamo grandi progetti…

Ma il 2019 sarà anche l’Anno Campionissimo di Costante Girardengo: Il Museo già custodisce alcune testimonianze formidabili della sua vita e attività sportiva. Ma la famiglia conserva una serie di cimeli – prevalentemente trofei e medaglie – di cui per motivi affettivi ragionevolmente non si vuole privare. Abbiamo perciò pensato di realizzare un grande pannello fotografico a colori con le foto di questi bellissimi oggetti. Fondamentale sarà per noi anche consolidare i rapporti con le associazioni di volontariato e in particolare con gli splendidi amici dell’UNITRE che ci consentono di offrire un’accoglienza di ottimo livello ai visitatori del museo.

E ci sono anche obiettivi più allargati, per così dire di Circuito museale: Mentre continua il rapporto di collaborazione (ma di più, il nostro è un gemellaggio vero) con il Museo del Ciclismo del Ghisallo, possiamo ormai annunciare ufficialmente che ACdB dal 1° gennaio 2019 è stato accolto nel circuito regionale di Piemonte Musei, l’abbonamento che prevede una carta che dà accesso a oltre 100 musei piemontesi: analoga pratica abbiamo in corso per Lombardia Musei. Come è noto, a quei circuiti si viene ammessi solo se si è in possesso di determinati standard. Un altro rapporto importante per noi è quello con il Touring Club Italiano, con il quale il C.V.A. ha condiviso tanti ideali a fine Ottocento. Il Touring ha riservato un posto d’onore al nostro museo nel recente volume strenna dedicato ai propri soci: si intitola Bicicletta, ha splendide illustrazioni, diversi disegni di Riccardo Guasco ed è stato diffuso in circa 200 mila copie in tutta Italia.

www.acdbmuseo.it | Social FB – Instagram acdb_museo – Twitter @AcdB_Museo

ALESSANDRIA SI MOBILITA: IN BICICLETTA

In occasione della Settimana Europea della Mobilità – SEM – dal 16 al 22 settembre, la Città delle Biciclette con le sezioni alessandrine di FIAB e UISP, con il Circolo Velocipedistico Alessandrino e il Museo ACdB unitamente al bisettimanale “Il Piccolo” organizzano una serie di appuntamenti e di eventi per richiamare l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni sulle problematiche (ma anche sulle opportunità) connesse all’uso delle due ruote sulle strade urbane.

Si intitola “Sicuri in bicicletta. Diritti e doveri per una mobilità responsabile” il programma di eventi organizzati dalla sezione alessandrina di FIAB (Federazione Amici della Bicicletta), da UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), sezione di Alessandria, CVA (Circolo Velocipedistico Alessandrino) e Museo ACdB (Alessandria Città delle Biciclette) con il bisettimanale “Il Piccolo”.

Clou del pannello di iniziative una tavola rotonda dal titolo “Hai voluto la bicicletta? Pedala! Ma in sicurezza” fissata sabato 22 settembre alle ore 18. L’ incontro, preceduto da un’anteprima di immagini del contest fotografico (ore 17.30) intende riflettere sulla nuova legge sulla mobilità ciclistica e le proposte di modifica del Codice della strada, avendo specifico riguardo alla situazione della città di Alessandria. L’evento, organizzato con il bisettimanale “Il Piccolo”, avrà luogo a Palazzo Monferrato, sede del Museo ACdB.

Moderato dalla giornalista de Il Piccolo Mimma Caligaris, l’incontro vedrà succedersi varie  testimonianze da parte di istituzioni ed esperti. Al termine della tavola rotonda saranno consegnati i premi del concorso fotografico e i riconoscimenti ai partecipanti della giornata “Bike to work”.

Sono questi alcuni degli eventi organizzati ad Alessandria in occasione della Settimana Europea della Mobilità – SEM, dal 16 al 22 settembre 2018, quando in tutto il Nuovo Continente si svolgerà la “European Mobility Week”. Così Alessandria si mobilita nel momento giusto e lo fa … in bicicletta per partecipare a questo evento internazionale, sottolineando in particolare il tema della mobilità su due ruote, e quindi la ciclabilità e la sicurezza in bicicletta.

Ricco e movimentato il programma che vede tra le iniziative anche un contest social – inaugurato e promosso già da alcune settimane su Il Piccolo, che si intitola SCATTA #Alessandriainbici ed è un concorso fotografico a premi (instagram contest) dedicato ad “Alessandria la città delle biciclette”.

Il contest è stato lanciato sui social il 15 agosto e terminerà il 15 settembre con la cerimonia di premiazione prevista sabato 22 dopo la tavola rotonda di Palazzo del Monferrato.

Fra gli eventi da segnalare la Giornata “Bike to work”: venerdì 21 settembre – in adesione alla analoga Giornata nazionale – quando scatta l’invito pubblico a recarsi al lavoro e a scuola in bicicletta o a piedi; con il coinvolgimento delle principali aziende, pubbliche e private della città, nonché le scuole, perché invitino i loro dipendenti e/o studenti all’uso della bicicletta.

In programma c’e poi una pedalata serale dal titolo preciso – “La strada è di tutti” – prevista venerdì 21 settembre con partenza dalla sede del Museo AcdB alle ore 19.30 in via San Lorenzo 21. Sarà questa una pedalata “illuminata” per rivendicare il diritto a non essere invisibili e sensibilizzare al dovere di rendersi visibili. La serata prevede una bicchierata finale e ospiti a sorpresa.

L’obiettivo di questa serie di appuntamenti e di eventi è richiamare l’attenzione dei cittadini e delle istituzioni sulle problematiche (ma anche sulle opportunità) connesse all’uso delle due ruote sulle strade urbane. I soggetti pubblici e le aziende sono coinvolti con un invito a sottolineare con efficacia la specifica qualità di Alessandria come “città delle biciclette” non solo di ieri, ma anche di oggi e di domani.

La serie di eventi ha raccolto tutti i patrocini istituzionali possibili, fatto che determina la volontà di una intera Comunità unità sotto la bandiera della bicicletta che è – anche per la storia di Alessandria – quasi una vocazione iconica.

I soggetti patrocinatori di “Alessandria per la Sem” sono: Prefettura, Questura, Camera di Commercio, Provincia, Diocesi, Comune di Alessandria, ATL Alexala e Ufficio Provinciale Scolastico.

A sostenere in varie forme le iniziative programmate intervengono: LineLab, Ri-cyclo (Ciclofficina Popolare Alessandria), Associazione Sine Limes, Il Chiostro Hostel and Hotel, Mania Bike, La Bici 2, Cicli Ottonelli, Il ciclista, La bici, Cicli Dottino.

Il programma completo degli eventi è sul sito: www.gliamicidellebici.it

Scarica la locandina QUI

SEM-Locandina

 

 

 

 

 

 

PASSATO, PRESENTE E FUTURO PEDALANO INSIEME CON ACDB

In un concerto di passione per le due ruote e per il nostro mondo ciclistico e la nostra storia familiare oltre che di promozione del Territorio piemontese, vocato per la bicicletta e il suo racconto, al Museo, mercoledì 4 luglio 2018 (ore 18,30) si presentano le giovani promesse di Mania Bike, squadrone di 20 allievi alessandrini reclutati dall’ASD Mania Bike e si fa festa con i volontari dell’Unitre di Alessandria che in questi mesi hanno fatto da guida al museo.

In esposizione, per la prima volta ad Alessandria, arrivano alcune biciclette ritrovate della Collezione Chiapuzzo e di Gianluigi Stanga: storie speciali tutte da raccontare.

Il Presente, poi, è garantito da un’altra specialissima di Pippo Pozzato, una Wilier Triestina Ramata (modello Cento10 Air, del 2017 fatta su misura), messa al centro della sala espositiva di ACdB al terzo piano di Palazzo del Monferrato che inaugura la mostra fotografica di Roberto Bettini, uno dei più grandi fotografi del ciclismo al mondo, tributo al Tour di Pantani e alla Corsa Rosa con il contributo di Giovanni Battistuzzi (scrittore e giornalista de IlFoglio.it).

Il 4 luglio è anche una delle ultime date utili per visitare la mostra di successo del grande illustratore Rik Guasco – Veni, vidi, bici! –  al secondo piano di Palazzo del Monferrato, mostra prolungata sino all’8 luglio, un contributo artistico al nostro meraviglioso mondo delle biciclette.

Roberto Livraghi, Direttore del Museo ACdB: Quella del 4 luglio è una grande e bella festa, con tanti amici, vecchi e nuovi, del Museo. Chi ama, custodisce, racconta, fotografa, restaura le biciclette è naturalmente un nostro amico. Abbiamo voluto raccogliere intorno a noi tante di queste persone straordinarie, dai giovani ciclisti di Mania Bike ai volontari dell’Unitre, ci regaleranno momenti belli le parole del giornalista Giovanni Battistuzzi e gli scatti del fotografo Roberto Bettini, oltre alle illustrazioni del grande artista Riccardo Guasco e sarà l’occasione per stringere mani e guardare al futuro con i nostri prestatori e collezionisti, vecchi e nuovi: Giovanni Meazzo e Giuseppe Dottino, i fratelli Marì e Roberto Chiapuzzo e Gianluigi Stanga che ci onora con un prestito molto speciale. Ma la festa è per tutti. Poiché non mancano mai le sorprese qui ad ACdB, il mio consiglio è sempre quello: partecipate. Del resto è molto divertente pedalare in gruppo…

EVENTO M4Luglio 2018 – Ore 18,30 – Palazzo del Monferrato, Via San Lorenzo 21 – ingresso libero

scarica tutta la cartella stampa QUI

  PRESS KIT DIGITALE QUI

 

ARRIVA IL MAINO DAY

LUNEDÌ 7 MAGGIO 2018 ALLE ORE 11 presso il Museo AcdB, Palazzo Monferrato, via San Lorenzo 21, Alessandria, si terrà la conferenza stampa di presentazione delle iniziative:

MAINO DAY III EDIZIONE del 12 maggio 2018, ore 15,30 – Alessandria BIMBI IN BICI –BICI IN CITTA’ del 13 maggio 2018, ore 9,30 Corso  Crimea – Alessandria

MAINO DAY | Un distretto artigianale e industriale della bicicletta, in Alessandria tra la fine dell’Ottocento e gli anni Settanta del Novecento. Un nome su tutti, Maino, l’azienda fondata dal cavalier Giovanni Maino. Le biciclette uscite dalla sua fabbrica, molte delle quali per campioni che hanno scritto la storia del ciclismo, come Costante Girardengo e Learco Guerra, sono oggi pezzi da collezione molto ambiti, ma anche mezzi perfettamente funzionanti, che impreziosiscono ancora le strade di Alessandria, del territorio, di tutta Italia.

Sabato 12 maggio il Maino Day, Terza edizione del cicloraduno nazionale di biciclette Maino. Alle 15.30 ritrovo e registrazione dei partecipanti presso il MUSEO AcdB a Palazzo Monferrato in via San Lorenzo 21. Alle 16.30 sfilata per le vie del centro ed esposizione delle biciclette.

Alle 17 ritorno a Palazzo Monferrato per la consegna a tutti i partecipanti della maglia celebrativa, creata nel celebre grigio a cui sono legate storie epiche di ciclismo e di calcio, realizzata dall’editore de “Il Piccolo” (sostenitore della manifestazione, che ha un legame particolare con la Maino). A seguire la premiazione ad un esponente del mondo della bicicletta alessandrino che nel corso del 2018 ha dato lustro alla città.  E’ gradito abbigliamento d’epoca abbinato al mezzo.

BIMBIMBICI & BICINCITTA’ IN PARATA | pedalando in allegria un giorno, per poterlo fare in sicurezza tutto l’anno. Per contribuire a rafforzare la cultura della bicicletta e radicarne l’uso nella vita quotidiana, anche quest’anno UISP e FIAB organizzano in collaborazione con il C.V.A. (Circolo Velocipedista Alessandrino) ed il Museo AcdB (Alessandria città delle biciclette) con il Patrocinio del Comune di Alessandria.

“Bimbimbici & Bicincittà in parata”, grande festa in bicicletta per bambini, ragazzi e famiglie. Si pedalerà lungo un facile percorso attraverso le strade di Alessandria. Per sottolineare il clima di parata, fin dall’inizio ai partecipanti verranno forniti fischietti che, insieme alle percussioni e ai campanelli, daranno al corteo di biciclette il carattere di una festosa e orgogliosa presenza, lungo tutto il tragitto; all’arrivo nella ex-caserma Valfré gli sbandieratori del gruppo dell’Associazione Aleramica accoglieranno i partecipanti con una esibizione.

Il ritrovo per l’iscrizione è fissato alle ore 9,30 al Monumento equestre di Corso Crimea, la partenza alle ore 10 e l’arrivo è previsto verso le ore 11,30.

Il costo per la partecipazione, comprensiva di assicurazione e ristoro, è di euro tre.  L’evento quest’anno assume particolare importanza perché inserito nel programma nazionale dei festeggiamenti per il 70° anniversario dell’UISP, essendosi costituita nel 1948.

CON I MUSEI SI FA RETE

Alessandria, 21 marzo 2018 – Ai musei della provincia di Alessandria che raccontano storie di grande ciclismo e promuovono valori di un territorio tutto da pedalare – anche e soprattutto per turismo – è dedicato un depliant promozionale che mette in rete il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure, Castellania museo a cielo aperto con la sua Casa Coppi e il nuovo Museo AcdB di Palazzo del Monferrato ad Alessandria.

Il depliant, voluto dalla Camera di Commercio di Alessandria, con il patrocinio di Regione Piemonte, Alexala Piemontebike, è stato presentato alla presenza del sindaco di Castellania Sergio Vallenzona e del sindaco di Novi Ligure Rocchino Muliere, giovedì 22 marzo 2018, presso la sala Viale in Camera di Commercio in via Vochieri 58.

All’incontro erano presenti e sono intervenuti anche il presidente della Camera di Commercio di Alessandria Gian Paolo Coscia, il segretario generale Roberto Livraghi, Massimo Merlano del Consorzio turistico Terre di Fausto Coppi, Roberto Cerrato, presidente dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, Costanza Girardengo (nipote del Campionissimo), Giovanni Meazzo collezionista e grande esperto di biciclette d’epoca.

Il depliant racconta il valore e l’unicità di tre luoghi – ora in rete – che sono un invito a pedalare nel presente e in un futuro sempre più turistico, per riscoprire la storia di un territorio con un Dna ciclistico unico anche per la fama dei suoi eroi, nella terra di Serse e Fausto Coppi, che prima ancora ha visto esprimere talenti come Girardengo, Cuniolo, Gerbi e Malabrocca, alcuni dei personaggi che ancora oggi il mondo dello sport e del ciclismo hanno come riferimento.

Il pieghevole, studiato proprio come una cartina, è un invito a sentirsi tutti parte di questi luoghi unici e pedalare su queste strade che si uniscono idealmente e praticamente sulle tracce di grandi campioni per raccontare storie che si collegano al passato, completandosi l’una all’altra, e si propongono ad un pubblico più vasto non  solo squisitamente appassionato di ciclismo e del suo passato ma anche aperto a gustare quel turismo slow che sta sempre di più prendendo piede e che ha una valenza per lo sviluppo economico del Territorio attraverso il turismo in bicicletta.

 

Qui una photo gallery della conferenza stampa (credito MDidier)

Coscia: un bel ritorno alle origini

Gian Paolo Coscia, presidente della Camera di Commercio di Alessandria, alla conferenza stampa di Milano, presso la sala Consiglio del Touring Club, per la presentazione alla stampa di Veni Vidi Bici! con Riccardo Guasco ha detto fra l’altro:

«Per il Museo AcdB poter collaborare con il Touring Club è un ritorno alle origini. Quando Alessandria era sede dell’Unione Velocipedistica Italiana, a fine Ottocento, quei nostri progenitori pionieri delle due ruote seppero dar vita a un confronto vivacissimo con il TCI (allora TCCI).

Un’occasione importante, quindi, che si concretizza puntando su uno degli artisti che a livello internazionale sono maggiormente conosciuti e apprezzati dagli appassionati di ciclismo. Senza dimenticare, con una punta di orgoglio, che anche Riccardo Guasco è alessandrino”.

 

ACDB E LE SUE STORIE DI BICICLETTE

@MuseoACDB | Gli eventi di #AcdB Dalla conferenza stampa di mercoledì 28 febbraio 2018, Alessandria Città delle Biciclette,  a Palazzo del Monferrato, Via San Lorenzo 21. #AcdBVersoSanremo

Ci sono biciclette che sono entrate nella storia e nel racconto di essa, per aver rivaleggiato una accanto all’altra, con coraggio e con passione sulle strade del grande ciclismo.

Nell’ampio panorama di queste specialissime biciclette, che è infinito e affascinante allo stesso tempo, ce ne sono due in particolare che hanno fatto la storia di un anno agonistico rimasto negli annali per tanti motivi. Parliamo del 1949. Con l’epilogo emozionante di un’edizione fantastica del Tour de France che ha sancito un primo e un secondo posto dei due più famosi rivali a due ruote di tutti i tempi, nell’ordine: Fausto Coppi e Gino Bartali.

Prima e seconda sul podio della Grande Boucle di quell’anno, sono salite idealmente anche loro le due biciclette dei campioni indimenticabili, pezzi da novanta, che ora sono eccezionalmente insieme in mostra, in compagnia di una originale Maino che fu di Costante Girardengo.

L’evento è un tributo ai campioni della Milano–Sanremo, la classicissima di primavera che una volta sanciva l’apertura della stagione mondiale del ciclismo. L’omaggio è l’emozione di rivederle insieme, una accanto all’altra a salutare il modello Maino che corse spinto dal grande Gira.

 Eccole: una Bianchi Corsa Simplex usata nel 1949, con cui Fausto Coppi vinse tutto (anche la Sanremo) in quell’anno, soprattutto con cui realizzò l’accoppiata Giro-Tour, con la fuga epica nella tappa Cuneo-Pinerolo (fuga che gli meritò il titolo di “uomo solo al comando”), un telaio che porta ancora i segni forse proprio quelli della caduta del Campionissimo nella tappa Rouen-Saint Malò al Tour… e, rigorosamente a ruota, la Santa Maria tubazione Libellula di Gino Bartali, modello Cervino, una quattro rapporti, molto amata dal campione toscano, seconda nella fatidica accoppiata Giro-Tour del ’49.

Entrambe le biciclette appartengono alla collezione di Gianfranco Trevisan, amico e prestatore di AcdB e del Museo del Ghisallo, che ha accettato di mettere in rassegna questi gioielli, capaci di celebrare il mese della Milano – Sanremo che si apre all’insegna di numerose iniziative a due ruote.

A completare il quadro di questa rassegna in omaggio ai protagonisti della Milano Sanremo, c’è la bicicletta del primo campionissimo Costante Girardengo, una Maino, con cui Gira vinse il Campionato Italiano e la Granfondo del 1913, ritrovata nel vecchio negozio “Maino” ad Alessandria, rilevato nel 1957 da Giovanni Meazzo e da lui stesso restaurata e in prestito stabile al museo AcdB.

E siccome senza la compagnia una maglia le bici di questi campionissimi che hanno contribuito a rendere grande la Milano – Sanremo non ci potevano stare, ecco che dal Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo di Magreglio, gemellato con AcdB, arriva quella speciale iridata indossata dal cannibale Eddy Merckx con la quale vinse nel 1975 la sua sesta Classicissima di Primavera eguagliando il record di Girardengo. Questo importante cimelio – Maglia di Campione del Mondo Molteni Campagnolo – di Eddy Merckx, è un prestito al Ghisallo di Rossana e Roberto Albani.

Tre biciclette e una maglia: storie di grandi campioni che hanno contribuito a fare immenso il destino di una Corsa come la Milano – Sanremo. Sono le storie di AcdB che pedalano per tutto il mese di marzo 2018 ad Alessandria – Palazzo del Monferrato, ma raggiungeranno anche la riviera ligure per una rassegna temporanea che viene inaugurata proprio la vigilia della Milano-Sanremo 2018, il 16 marzo alle ore 17 al Casinò di Sanremo (sino al 27 marzo) e che vede testimonial ideali anche i protagonisti della Gran Corsa Milano – Sanremo.

I ciclostorici che partecipano alla rievocazione della prima edizione della Milano -Sanremo saranno ad Alessandria Città delle Biciclette proprio il 14 marzo 2018 per la storica punzonatura, organizzata davanti a Palazzo del Monferrato di via San Lorenzo 21 e raggiungeranno Sanremo il giorno della corsa per professionisti, facendo visita e tappa al Casinò che ospita questo tributo a Girardengo, Coppi, Bartali e Merckx!

 #AcdbMilanoSanremo

SCARICA LA CARTELLA STAMPA DI ACDB VERSO SANREMO
QUI 

SCARICA LA CARTELLA STAMPA DELLA MOSTRA CASINO’ DI SANREMO QUI

SCARICA LA CARTELLA STAMPA DELLA GRAN CORSA QUI

 

MARZO: OMAGGIO ALLA MILANO-SANREMO

@MuseoACDB | Gli eventi di #AcdB Dalla conferenza stampa di mercoledì 28 febbraio 2018, Alessandria Città delle Biciclette,  a Palazzo del Monferrato, Via San Lorenzo 21.

Marzo è il mese della Milano–Sanremo, la Classicissima di primavera che un tempo apriva la stagione agonistica mondiale. Al mese della Sanremo AcdB dedica una serie di iniziative e di eventi che celebrano storie di biciclette e di campioni che hanno contribuito a fare grande la classica organizzata da La Gazzetta dello Sport sabato 17 marzo 2018.

In occasione della Milano-Sanremo edizione numero 109 AcdB presenta un’esposizione molto speciale: dal 1° al 14 marzo 2018 al museo di Palazzo del Monferrato arriva la rassegna Campionissime Biciclette, esposizione al museo AcdB nel corridoio dei campioni delle bici dei Campionissimi Girardengo, Coppi, Bartali e della maglia iridata di Eddy Merckx, quella della sua sesta Sanremo (prestito del Museo del Ghisallo di Rossana e Roberto Albani).

Dal 1° al 31 marzo 2018 | Metti una guida (Meazzo) al Museo AcdB. Marzo guidato: al Museo AcdB ogni venerdì pomeriggio (apertura dalle 16/19) Giovanni Meazzo, il collezionista alessandrino, eroico ciclista degli albori dell’epopea di Fausto Coppi, sarà la guida speciale dei visitatori del Museo AcdB, per raccontare in modo personale le storie delle biciclette custodite nell’esposizione permanente di Palazzo del Monferrato.

Con un particolare focus sulle bici che hanno fatto la storia di tre grandi campioni: quella di Costante Girardengo (dalla collezione Meazzo) e quelle che hanno corso insieme nel 1949 sulle strade del Giro e del Tour: la Bianchi di Coppi e la Santa Maria di Bartali (entrambe dalla collezione privata di Gianfranco Trevisan – il suo sito QUI).

Parallelamente dal 4 di marzo al Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo di Magreglio (Como) il corridoio principale dell’area espositiva sarà allestito con una temporanea fotografica dedicata alla Milano–Sanremo dall’archivio di Vito Liverani, della famiglia Torriani e de La Gazzetta dello Sport.


Un Bicicletterario che pedala con AcdB

AcdB è un luogo di memoria e di cultura in movimento. Ed ha deciso di assegnare – in tandem con Museo del Ghisallo – il suo patrocinio non oneroso alla IV edizione de Il Bicicletterario – Parole in Bicicletta, Premio Nazionale di Poesia e Narrativa dedicato alla Bicicletta e al suo mondo, organizzato da Co.S.Mo.S. – Comitato Spontaneo Mobilità sostenibile (Organizzazione di Volontariato – OdV).

Il Bicicletterario è un’iniziativa unica al mondo che coniuga due pratiche ritenute virtuose dagli organizzatori: lettura/scrittura e uso della bicicletta. Ha riscosso grande successo in tutta Italia nelle precedenti edizioni, raggiungendo anche vari Paesi oltreconfine da cui sono pervenute diverse opere.

La partecipazione è gratuita, aperta a tutti, le sezioni sono divise per fasce di età (bambini/ragazzi/adulti), ammessi racconti brevi, poesie, aforismi; la Giuria è composta da illustri e qualificati personaggi.

L’edizione numero quattro ha chiuso la raccolta dei lavori  con il  bando del 18 febbraio 2018. Per la prossima edizione c’è tutto il tempo per farsi venire idee e pedalare / scrivere magari in scia alle storie di biciclette proposte da AcdB.

Formalmente il Patrocinio non oneroso da parte del Museo Alessandria Città delle Biciclette di Palazzo del Monferrato per il Premio Letterario Il Bicicletterario 2018 è già arrivato, il coinvolgimento sarà maggiore per la prossima edizione 2019 che coincide fra l’altro con il Centenario di Fausto Coppi.

Roberto Livraghi, Segretario Generale della Camera di Commercio di Alessandria che è titolare del Museo AcdB a Palazzo del Monferrato, ha commentato così questa iniziativa:

Il nostro Museo neonato ha nel suo DNA la storia del giornalismo sportivo, del racconto turistico e la passione per il mondo delle biciclette in tutte le sue varianti e, come luogo della memoria e dell’amore per il ciclismo, non può che applaudire all’iniziativa – fresca e intraprendente – del Premio Il Bicicletterario che apre una importante finestra sulla cultura delle parole che pedalano. Bisogna dire grazie a chi lo ha ideato e lo organizza, per il lavoro di divulgazione che viene fatto e per la passione che riesce a trasmettere da Sud a Nord anche solo pedalando con le parole.

 

Alessandria ad Itinerando 2018 di Padova

Anche la realtà territoriale alessandrina sarà presente ad Itinerando 2018 – Il salone del turismo in movimento, che si terrà dal 9 all’11 febbraio 2018 nel quartiere fieristico di Padova.

Forte del successo dell’edizione 2017 con la presenza di oltre 200 aziende con i principali brand di settore e che ha visto l’arrivo di oltre 20.000 visitatori, l’evento Itinerando di Padova ritorna su un’area ancora più estesa per avvalorare le sue peculiarità e aumentare i servizi proposti alle aziende e al pubblico.

Itinerando Show è un progetto unico ed innovativo, che ha saputo coniugare in un unico contesto il mondo della passione legata al turismo in movimento, spaziando dal cicloturismo al mototurismo, dal camper alla nautica, dagli sport di mare e di montagna all’offroad, dal turismo a cavallo alle vacanze en plein air, coinvolgendo tutti coloro che sposano la filosofia del viaggio dinamico ed esperienziale.

Nel contesto di questa importante kermesse, l’Amministrazione Comunale di Alessandria (con lo speciale interessamento dell’assessore allo sport) ha inteso favorire la partecipazione di Alessandria con un’iniziativa di particolare significato.

Come infatti era già avvenuto nello scorso mese di settembre nell’ambito di CosmoBike Show (l’International Bike Exhibition di VeronaFiere), anche per Itinerando 2018 Alessandria sarà presente tra gli espositori con uno speciale stand per mettere in luce e confermare quanto sviluppato già negli anni scorsi in tema di valorizzazione di un particolare elemento identitario della Città, ossia della bicicletta: un mezzo di locomozione che, a partire dalla seconda metà del XIX secolo e almeno fino agli anni Cinquanta del secolo scorso, ha visto il tessuto socio-economico, artigianale e produttivo, culturale e sportivo assolutamente favorevole alle due ruote tanto da poter affermare che Alessandria è stata — e intende ritornare ad esserlo sempre di più — Città delle Biciclette.

Se l’intera comunità cittadina è stata partecipe di numerosi eventi di sensiblizzazione su questo tema, è indubbio il ruolo svolto sia dall’Amministrazione Comunale che dalla Camera di Commercio nell’azione di recupero e valorizzazione di questo forte tema identitario, sfociato tra l’altro nel museo promosso dalla Camera di Commercio a Palazzo Monferrato e intitolato proprio Alessandria Città delle biciclette.

Lo stand di Alessandria ad Itinerando 2018 – Il salone del turismo in movimento intende porre l’accento su due elementi.  Da un lato, il diretto coinvolgimento della Camera di Commercio per il museo Alessandria Città delle biciclette e il ruolo che — insieme al Circolo Velocipedistico Alessandrino, recentemente ricostituito — in questi anni sta svolgendo, in sinergia con le altre Istituzioni locali, per valorizzare non solo le peculiarità produttive del territorio, ma anche le potenzialità di carattere turistico-sportivo-culturale dell’alessandrino, quale porta per il Monferrato (territorio che, insieme a Langhe e Roero, ha visto recentemente riconosciuto dall’Unesco il valore dei propri paesaggi vitivinicoli).

Dall’altro lato, il coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale, sia per quanto riguarda le competenze in materia di Sport e di Marketing turistico-territoriale, sia per quanto riguarda il ruolo della Polizia Municipale.

I visitatori dello stand alessandrino a Padova potranno infatti apprezzare l’esposizione delle biciclette appositamente attrezzate che alcuni Agenti della Polizia Municipale cittadina utilizzano nell’ambito di un progetto sperimentale di Bike Patrol.

Il Bike Patrol – fondato sull’esperienza analoga di alcuni Corpi operativi della Polizia degli Stati Uniti –  ha la sua declinazione italiana attraverso l’attivazione di un nuovo servizio di Agenti in bicicletta, formati a presidiare il territorio proprio attraverso il mezzo a due ruote e utilizzando tutte le peculiarità di questo strumento.

Alessandria, da questo punto di vista, ha fatto da apri-pista nei confronti degli altri Comuni e  grazie al coinvolgimento operativo dell’AIPIB-Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta ha promosso il primo corso di formazione specifico per Agenti di Polizia Municipale in bicicletta che ha registrato la partecipazione di dipendenti delle Polizie Locali sia di Alessandria, che del Comune di Vercelli che di quello di Candiolo (TO).

L’esperienza maturata ad Alessandria, a partire dall’aspetto formativo e dalla sua declinazione allargata alla fruizione anche di altri Comuni, rappresenta un elemento di novità che l’Amministrazione Comunale ha ritenuto interessante proporre all’attenzione del vasto pubblico di Itinerando 2018.

Se per un verso, infatti, è immediato il collegamento del nuovo servizio attivato con l’utilizzo della bicicletta e con la grande esposizione di Padova, per altro verso, può essere interessante sottolineare in quel prestigioso contesto le peculiarità e l’efficacia del presidio del territorio attivato ad Alessandria, grazie agli Agenti di Polizia Municipale in bicicletta.

Con l’istituzione di questa pattuglia, infatti, si è in grado in alcuni casi, di migliorare ulteriormente la rapidità degli interventi della Polizia Municipale, dal momento che  – a complemento dei mezzi e delle prassi operative già ordinariamente utilizzati dagli Agenti –  uno dei principali vantaggi del Bike Patrol è la capacità di attraversare, con le due ruote, aree delimitate come parchi e giardini pubblici e avere quindi un contatto più diretto con l’ambiente circostante, permettendo azioni di pronto intervento.

(fonte Ufficio Stampa Comune di Alessandria – mail ufficio.stampa@comune.alessandria.it).