ARRIVA LA BIANCHI DEL GREGARIO INTROZZI

#100COPPI con ACdB

AD ACDB ARRIVA LA BIANCHI DEL GREGARIO INTROZZI dalla Collezione Giovanni Chiapuzzo Biciclette ritrovate raccontano storie leggendarie di uomini speciali. Troppo dimenticati. Ecco la Bianchi nr 171662 appartentente alla collezione Giovanni Chiapuzzo, tortonese, massaggiatore e uomo di sport, grande collezionista. Uno di noi: cresciuto alla Scuola della Siof di Cavanna.

Questa Bianchi così come è stata ritrovata con tutti i segni del tempo: fu costruita dal Reparto Corse nel 1947 per il gregario di Fausto Coppi (vincitore al Giro), Augusto Introzzi. La bicicletta è alta centro-fine cm 59 e porta i forcellini Campagnolo per il cambio corsa, cosa particolare perché nel 1947 come nel 48 e 49 la Bianchi correva col Simplex.

Al di là del suo valore ciclo-storico è stata la Bianchi di “angelo di Coppi” costruita secondo i Registri ufficiali per Augusto Introzzi, gregario fedele del campionissimo. Augusto Introzzi (1913/1954) ha corso per squadre importanti come la Gloria, la Ganna, la Viscontea, la Azzini e poi la Bianchi (1947 e 1948). Corridore coriaceo passista e pistard (fortissimo nella specialità dietro motori) ha disputato 7 Giri d’Italia e due Tour de france. Scrive di lui Franco Cattaneo in un ritratto dedicato ai campioni di Fino Mornasco (Como) “Era un finese purosangue … passato nel 1934 al professionismo con i colori della GLORIA GARIBALDINA, formazione che raccoglieva i più promettenti dilettanti del momento ed il cui motto era ‘osare, sempre osare’.
La squadra gareggiava infatti senza capitano, con tutti dei parigrado, quindi molto a briglie sciolte. Segue un anno alla GANNA nel 1937 per tornare alla GLORIA nel 1938 e poi vestire i colori della VISCONTEA nel 1942. Durante gli anni del secondo conflitto bellico, l’attività è molto ridotta ed Augusto veste le maglie del DOPOLAVORO ALFAROMEO, del PEDALE MONZESE e della AZZINI di Milano, trascorrendo, se non ricordo male, qualche periodo da ‘internato’ nella Svizzera interna, come si definivano allora i Cantoni oltre il Ticino.
Terminata la Guerra, nel 1946 torna alla VISCONTEA per passare nel 1947 alla BIANCHI del Campionissimo Fausto Coppi che nello stesso anno si aggiudica il Giro d’Italia. Conferma le sue doti di combattività e di assoluta lealtà nei confronti della squadra e del suo famosissimo capitano; il soprannome di ‘nave del deserto’ non gli è stato attribuito per caso. Non era corridore di un giorno… Fortissimo sul passo, ottimo come pistard e nella specialità ‘dietro motori’, molto praticata e seguita soprattutto all’estero”.
In mostra al Museo ACdB la bicicletta di Introzzi sarà poi esposta anche al Museo del Ghisallo grazie alla generosità della famiglia Chiapuzzo Museo del Ciclismo Ghisallo
Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *